11 gennaio 2019

La catena di Melissa


I fatti di Melissa ci dicono e ci ricordano molte cose. E forse non è un caso che questa vicenda emblematica avvenga nel profondo sud e nella provincia più provincia, quasi a dirci che - nonostante le chiacchiere - sono proprio queste le nostre radici più profonde, i nostri reali valori “nazionali”. L’altro ieri notte, i cittadini di Melissa – un comune di poco più di 3.500 anime che anche Google fa fatica a indicizzare – vengono svegliati da urla disperate che chiedono aiuto. Erano pochi uomini, tra quelli che sapevano nuotare. Dietro di loro, incastrati in una barca a vela o in lotta col mare grosso a pochi metri dalla riva, un’altra cinquantina di persone.
Erano tutti compressi su una piccola barca a vela, decisi a lasciarsi alle spalle l'orrore dei territori curdi,  ancora in balia della jihad. Nonostante le difficili condizioni del mare, il viaggio era andato bene. Ma di fronte alla costa calabrese gli scafisti hanno abbandonato la barca alla deriva e sono fuggiti. Lo scafo si è incagliato su una scogliera e si è piegato. E l'acqua ha iniziato ad entrare. Alcuni naufraghi hanno forzato il boccaporto e si sono tuffati in mare per raggiungere la spiaggia e chiedere aiuto. Le donne, i bambini e i molti che non sapevano nuotare sono rimasti intrappolati.

I cittadini di Melissa, a partire dal Sindaco, hanno dato l’allarme, chiedendo aiuto alle forze di soccorso, ma contemporaneamente si sono precipitati alla spiaggia dove hanno visto l’apocalisse.
"Quando sono arrivato - ha raccontato il Sindaco - mi sono subito  reso conto che i soccorsi non avrebbero mai fatto in tempo. Bisognava intervenire subito. Agitato dal vento, il mare aveva fatto rovesciare quasi completamente la barca e molti rischiavano di non riuscire ad uscire. In preda al terrore, anche chi non sapeva nuotare si era lanciato in acqua e lottava per rimanere a galla. Insieme ad altri compaesani, più alcuni dei naufraghi abbiamo fatto una specie di catena umana. I migranti sono saliti sul pattino dell'hotel per raggiungere lo scafo e far trasbordare chi era rimasto intrappolato, noi a braccia lo abbiamo tirato fino a riva".

Una pagina di umanità, semplice ma grandissima.
Che ci dice che ancora si arriva in Italia e che la formula “i porti sono chiusi” è solo una figura retorica e tronfia che non corrisponde alla realtà dei fatti.

Ci ricorda che la storia di sofferenza e lotta per un futuro continua, anche se vorremmo non averla davanti agli occhi. Guerre, carestie, discriminazioni, persecuzioni sono all’opera continuamente in tutto il mondo, anche se noi ci riuscissimo a chiudere nella nostra bolla di conforto.
Ma, soprattutto,  quella “specie di catena umana”, composta da calabresi e naufraghi, partita ancora prima che gli addetti ai lavori, gli specialisti del soccorso potessero arrivare alla spiaggia, ci dice ancora una volta che insieme si possono fare cose che da soli sarebbero impensabili. Che la cooperazione, il “buttarsi” insieme, in cordata, è l’unico modo per affrontare le situazioni, anche quelle più disperate.

Che quello stare assieme, convergendo su un solo obiettivo, è l’unico modo efficace ed umano per affrontare la vita.
Chi dipinge le Ong, le cooperative o qualunque aggregazione “per fare il bene” come una congrega di delinquenti in combutta con chissà chi, non solo ci imbroglia, ma ci vorrebbe togliere l’unico strumento grande che abbiamo a disposizione.

Siamo già un’unica catena umana. E’ la nostra forza.
Da soli, siamo niente.

Oliviero Motta

2 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Prestiti veloci con erogazione in 48 ore
    Avete bisogno di un prestito per la necessità della vostra famiglia, aumentare la vostra impresa o la vostra

    società o Acquistare una macchina?
    Credito per il matrimonio?
    Liquidazione di un debito?
    Per la realizzazione di un progetto?
    O per altri motivi ecc. ... di un valore sulla base di 900 € a 99.000 € o $ ad un tasso d'interesse del 2%.

    Contattiamo email : assistenza.finanziara.compagnia@gmail.com






















    Prestiti veloci con erogazione in 48 ore
    Avete bisogno di un prestito per la necessità della vostra famiglia, aumentare la vostra impresa o la vostra

    società o Acquistare una macchina?
    Credito per il matrimonio?
    Liquidazione di un debito?
    Per la realizzazione di un progetto?
    O per altri motivi ecc. ... di un valore sulla base di 900 € a 99.000 € o $ ad un tasso d'interesse del 2%.

    Contattiamo email : assistenza.finanziara.compagnia@gmail.com





















    Prestiti veloci con erogazione in 48 ore
    Avete bisogno di un prestito per la necessità della vostra famiglia, aumentare la vostra impresa o la vostra

    società o Acquistare una macchina?
    Credito per il matrimonio?
    Liquidazione di un debito?
    Per la realizzazione di un progetto?
    O per altri motivi ecc. ... di un valore sulla base di 900 € a 99.000 € o $ ad un tasso d'interesse del 2%.

    Contattiamo email : assistenza.finanziara.compagnia@gmail.com

    RispondiElimina